Privacy Policy Fascismo e Nazismo : il doppio standard odierno - Il blog delle libere idee

Fascismo e Nazismo : il doppio standard odierno

Fascismo e Nazismo

Il 25 Aprile si festeggia la liberazione da Fascismo e Nazismo.

Tipicamente si tende a bersagliare Fascismo e Nazismo e questo “bersagliamento” è in larga parte operato dalle sinistre che ne fanno, quasi, un manifesto.

Ma oggi, nel 2022, è ancora così?

Fascismo e Nazismo : il doppio standard della sinistra liberal

La guerra in Ucraina ci sta insegnando molte cose che noi, un po’ più giovani, non abbiamo vissuto nei decenni scorsi.

Chi ha la mia età (verso i quaranta) probabilmente si ricorda le immagini in tv della guerra del Golfo, le lucine verdi che sembravano videogiochi.

Ma quasi sicuramente non si ricorda molto più di questo.

Oggi possiamo, purtroppo, fare un ripasso di cosa vuol dire avere la guerra alle costole, a causa dell’informazione martellante dei media che in queste cose ci sguazzano letteralmente.

 Ed è proprio l’informazione che ha deciso di rivisitare alcuni “concetti” che, fino a poche settimane fa, sembravano immutabili : i concetti di Fascismo e Nazismo.

Leggi anche : Giorno della Memoria : per ricordare cosa ?

Cos’è cambiato?

Non entro nel dettaglio, ma è evidente che la narrativa occidentale russofoba fa di tutto per screditare un dialogo costruttivo e super partes di questa questione ; ma la questione che, secondo me, è ancora più grave è lo sdoganamento del nazismo.

Correnti naziste esistono in Ucraina fin dalla Seconda Guerra Mondiale ed alcuni fatti storici ben documentati ci mostrano chiaramente che il nazismo in Ucraina esiste ancora.

È stato usato (ed è tuttora!) usato come braccio armato del governo centrale per, diciamo, sbrigare faccende spinose.

Tecnicamente niente di nuovo : frange estremiste sono state usate negli anni dappertutto (basti solo pensare alla strategia della tensione in Italia), ma il problema a monte non è l’uso che se ne fa, ma la comunicazione che ne segue.

Il sentimento nazionalista-nazista ucraino ricopre un ruolo più che marginale nel governo di Kiev, circa il 2%, ma non è questo il problema.

Facciamo un paragone con l’Italia

Veniamo alla ciccia : nel 2019, in Italia al Salone del Libro di Torino, si era deciso di censurare tutti i libri pubblicati da una casa editrice vicina a Casapound.

Casapoundo, in Parlamento, ha rappresentato quasi sempre la minoranza assoluta con una percentuale che solo nel 2018 ha superato, tra Camera e Senato, l’1.5%.

Sostanzialmente il nulla.

Tuttavia non ci si è tirati indietro quando si è dovuto condannare un partito del genere di stampo nazionalista e neofascista : scontri i in pazza, atti vandalici alla sede ecc.

In Ucraina la situazione è simile, con la differenza che la rappresentanza nazista è quasi doppia rispetto a Casapound Italia.

Di questa rappresentanza nazista fanno parte alcune bande armate, tra cui l’ormai famigerato battaglione Azov, e qui arriva la cosa divertente.

Lilli Gruber, intervistando il rettore dell’università di Mariupol, gli ha chiesto come “giudicare” questi soldati nazisti, sottintendendo il fatto che potesse esserci la possibilità di giustificare le loro azioni.

Qui l’intervista completa : intervista al professor Trofymenko.

Lasciatemi riportare alcune parole del professore che risponde alla domanda della Gruber “il fatto che questo battaglione difenda il proprio paese, cancella la macchia dell’affiliazione nazista?” :

Ho visitato il quartier generale di questo battaglione. Questi soldati [del battaglione Azov, n.d.r.] hanno la loro filosofia, è vero, non sono persone che bevono alcol per esempio, sono lì che si esercitano, si allenano“.

Quindi stiamo parlando di ragazzi che fanno sport e probabilmente anche la dieta, un po’ come un qualsiasi stereotipato quarterback di un college americano.

Il fatto che dal 2014 si macchino di violenze indicibili e rechino sulle loro divise la svastica nazista (che nel frattempo è diventato solo un simbolo nordico) non ha più alcuna importanza.

Nuovo revisionismo

Si badi bene, non sto in alcun modo giustificando Putin o la Russia o altro, ma mi chiedo semplicemente perché, pur di giustificare una propria convinzione, si sia obbligati al revisionismo storico.

Riassumendo : Casapound, il fascismo ed il nazismo “antisistema” sono i nemici numero uno da abbattere ; Azov ed il nazismo che sono a servizio del sistema stesso, invece, sono da giustificare e proteggere.

Immaginatevi per un istante se ad un certo punto un battaglione affiliato a Casapound venisse usato dal Governo italiano per dare la caccia a no-vax, no-greenpass e chi più ne ha più ne metta.

Come sarebbe considerato?

Conclusioni

Mi sento di concludere che i concetti di Fascismo e Nazismo siano ormai concetti privi di significato.

Sono diventati dei contenitori per etichettare qualcuno o qualcosa e che vengano riempiti in funzione del proprio bisogno propagandistico.

Leave A Comment

Shares