Privacy Policy laRepubblica e gli asintomatici di COVID-19 - Il blog delle libere idee

laRepubblica e gli asintomatici di COVID-19

laRepubblica e gli asintomatici di COVID-19 sono la nuova Beautiful.

Il giorno 21 novembre, laRepubblica ha pubblicato una bella fake news, peraltro citando fonti a caso e supportando con ZERO prove le sue affermazioni. Vediamo cos’è successo.

laRepubblica e gli asintomatici: come Beautiful

Per mesi si è discusso se gli asintomatici fossero effettivamente contagiosi.

Per un certo periodo si è detto di no, poi forse; poi alla fine è arrivata la risposta definitiva e ce la comunica laRepubblica:

laRepubblica e gli asintomatici

Nel sottotitolo c’è scritto che il dato arriva dal CDC, il Center for Disease Control and Prevention americano, uno dei punti di riferimento per quanto riguarda l’informazione medica.

Vado sul sito del CDC e cerco informazioni sugli asintomatici: barra di ricerca -> scrivo “covid asymp” (perché lo sanno tutti ormai che più una chiave di ricerca è generica, più è alta la probabilità di trovare il risultato) -> Invio.

laRep

Questa è solo la prima parte della prima pagina. Le cose non vanno meglio andando nelle altre pagine.

Conclusione: non trovo nulla.

Allora leggo l’articolo (“1 minuto di lettura” dice, ci metto un attimo!) ed arrivo al paragrafo:

laRepubblica asintomatici

Ah ok, quindi non si riferisce ad uno studio sugli asintomatici, l’informazione si trova nella parte dedicata alle mascherine.

Bene, la cerco.

laRepubblica covid

Clicco sul secondo link che mi pare il più vicino all’informazione che sto cercando.

Entro nella pagina ed il testo che è completo e ben fatto riporta una serie di note a piè di pagina, queste:

laRep note

Sono andato a vedere i link in cui compare “Asymptomatic” nel titolo:

Primo (The New England Journal of Medicine): il risultato è che gli asintomatici potrebbero essere veicolo di contagio, ma ulteriori analisi devono essere fatte.

Secondo (The Lancet): una famiglia di ritorno da Wuhan in cui uno era asintomatico e due no. Il risultato è che uno qualunque dei tre può essere stato in grado di infettare l’altro e non si esclude che l’asintomatico si sia malato per primo.

Terzo (Jama Network): “transmission of the novel coronavirus that causes coronavirus disease 2019 (COVID-19) from an asymptomatic carrier with normal chest computed tomography (CT) findings has not been reported“.

Non vi annoio oltre, negli altri casi il risultato è lo stesso.

Altre evidenze da CDC e Nature

Nello stesso sito del CDC si trova questo:

CDC asymp

Il rilevamento di RNA di SARS-Cov-2 nei soggetti presintomatici o asintomatici NON PROVA che siano in grado di trasmettere il virus agli altri“.

Carico da 90 da parte di Nature:

asymptomatic

Tutti i contatti stretti di asintomatici positivi sono risultati negativi, il che indica che un positivo asintomatico rilevato in questo studio è improbabile che sia infettivo“.

Termino con il supporto dell’OMS:

oms asintomatici

Esistono pochi report di casi veramente asintomatici e, fino ad oggi, non ci sono trasmissioni asintomatiche documentate. Questo non esclude la possibilità che possa accadere“.

Conclusioni

laRepubblica mette un’informazione senza uno straccio di link dove poter andare a leggere la fonte.

Facendo una ricerca un po’ più concreta si finisce sulle pagine di New England Journal Of Medicine, Lancet, Nature, CDC e l’OMS e su TUTTI i siti è indicato chiaramente che non si può essere sicuri al 100% che un asintomatico sia contagioso.

Anzi, alcuni dicono addirittura che è improbabile.

Le conclusioni sono molteplici:

  1. laRepubblica è un giornale di chiara fama e può mettere le informazioni come le pare ché tanto nessuno ha da ridere.
  2. io sono “un minchia” (citazione colta) qualunque, ma se metto un’informazione un po’ “di traverso” devo mettere trentordicimila link per dimostrare quello che sto dicendo.

Ovviamente non voglio dire che gli asintomatici NON SIANO contagiosi ed accetto serenamente che ci siano ancora dubbi (il dubbio fa parte della saggezza ed è l’essenza della scienza), ma tra dire “non si sa/è improbabile” e “più del 50%” c’è una bella differenza, no?

Buon vaccino a tutti.

Leave A Comment

Shares