Privacy Policy VEGANUARY: un mese da VEGANO | Il blog delle libere idee

VEGANUARY: un mese da VEGANO

Veganuary

È il mese di gennaio e non è solo il mese di Ascanio, ma è anche il mese “tradizionale” per chi vuole sperimentare la dieta vegana: VEGANUARY (da VEGAN e JANUARY, “Gennaio” in inglese).

VEGANUARY: perché un mese da vegano?

Perché sarebbe importante un mese da vegano?

Non c’è una risposta unica, ce ne sono tante e, allo stesso tempo, non ce ne sono.

Negli ultimi anni hanno fatto notizia i numerosi documentari Netflix a favore di una dieta plant based: The Game Changers, Cowspiracy, What The Health ecc.

Alcuni di voi li avranno visti e li avranno considerati faziosi (ma cosa non è fazioso di questi tempi?).

La cosa che conta, secondo me, è il messaggio che mandano e la presa di coscienza che ognuno di noi può avere rispetto ad un tipo di stile di vita più “controllato”.

Volendo semplificare al massimo, chi fa una scelta vegan lo fa sostanzialmente per tre ragioni:

  1. Scelta ambientale
  2. Scelta etica
  3. Scelta salutista

Una dieta vegana: scelta ambientale

Eh ma gli allevamenti intensivi sono solo in America“.

Non è vero.

L’allevamento intensivo si può trovare ovunque e anche il macellaio sotto casa può “nascondere” un suo lato “business”: produrre per il profitto. Guardatevi questa intervista.

La quantità d’acqua usata per il sostentamento di un allevamento intensivo è di molto maggiore di quella che servirebbe per sfamare gli esseri umani con una dieta più vegetale.

Peraltro l’acqua non serve principalmente ad abbeverare le bestie, ma a coltivare le piante che servono per nutrirli. Vi rendete conto dell’assurdità?

Già solo questo sarebbe sufficiente a preferire una dieta più mirata verso i cibi vegetali, ma andiamo oltre.

Secondo l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima, il 2017 è stato un anno particolarmente critico in Italia dal punto di visto idrico. È stato sì uno degli anni più caldi dal 1800, ma la mancanza d’acqua è stata particolarmente preoccupante ed è stata dovuta in larga parte al sostentamento degli allevamenti di animali.

Anche il New York Times ha detto la sua.

Per produrre un hamburger di carne (UNO SOLO), occorrono circa 1700l d’acqua.

Con una doccia se ne consumano circa 90, per coltivare una mandorla ne servono poco meno di 4 (di mandorle non se ne devono mangiare 200 al giorno, ne basta una decina che fa circa 40l di acqua. A voi la riflessione).

Ovviamente non si può essere sempre coerenti al 100%; un vegano non sarà mai coerente al 100%, ma da che pulpito? Non sta ad un onnivoro tacciare un vegano di incoerenza.

La scelta etica

Questa scelta è molto personale, non ha senso andare nel dettaglio perché ognuno vive le sue scelte a modo suo e si può solo rispettarle.

La scelta salutista

Ok, qui si potrebbe discutere per anni senza arrivare mai ad un accordo tra le eventuali parti in gioco; possiamo solo analizzare brevemente qualche punto.

Per esempio l’ambito sportivo: lo sportivo onnivoro ti dice: “va bene che sei vegan, ma devi sempre integrare!“.

Le proteine del siero del latte si possono assorbire meglio“.

Ecc.

Integrazione: lo sportivo onnivoro non integra? Avete mai visto con cosa va in giro lo sportivo medio? Multivitaminico, whey, creatina come minimo. E questa non è integrazione?

Ecco. Fine.

Proteine: non sono un chimico, ma facendola breve le proteine sono catene di aminoacidi.

Il corpo umano se ne frega se, quando ingeriamo qualcosa, la catena aminoacidica arriva dal pollo piuttosto che dal fagiolo, rimane una catena aminoacidica e come tale viene gestita. Punto.

Il problema viene da quello che c’è attorno a questi aminoacidi e le sostanze che vengono liberate in fase di digestione.

Eh ma l’uomo ha sempre mangiato carne ed è sempre andata bene“.

Il fatto che l’essere umano sia in grado di sopportare uno stress NON implica che lo stress a cui è sottoposto sia uno stress positivo.

L’essere umano può sopravvivere anche ad una frattura esposta della gamba, ma questo non vuol dire che debba spaccarsi le ossa tutti i giorni.

Nella prossima puntata vedremo un paio di considerazioni sulle vitamine.

Stay tuned!

Leave A Comment

Shares